Diventa socio di Dove.it.Scopri la campagna su

Certificazione energetica UE: la stretta sugli immobili

Pubblicata il 10/12/2021da Redazione

La Commissione Europea ha presentato una proposta per ridurre le emissioni del comparto edilizio. La misura potrebbe comportare degli interventi di riqualificazione energetica a carico dei proprietari di casa.

Vediamo i dettagli della proposta.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

La proposta di Bruxelles

La proposta prevede che gli stati membri dell’Unione Europea adeguino gli edifici pubblici alla classe F entro il 2027, mentre dal 2030 gli stessi edifici dovrebbero appartenere alla classe energetica E.

Per gli edifici privati si dovranno applicare le stessi misure con la classe F dal 2030 e la classe E dal 2033.

L’applicazione della norma non sarà valida per gli edifici storici.

Per i costi da sostenere si valuta l’ipotesi di rimuovere degli ostacoli alla riqualificazione energetica e si indicheranno nuovi strumenti per facilitare le ristrutturazioni. Alcuni di questi interventi potranno essere l’incentivazione di società energetiche ed elettriche ad assumersi il rischio del finanziamento degli interventi e ripagare gli investimenti con i risparmi a livello di consumi energetici.

Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

Le proteste dei consumatori

La prima critica è stata sollevata dall’Unione Nazionale dei Consumatori che vedono questa norma come una lesione dei diritti dei proprietari di abitazione.

Non tutti i proprietari di casa possono permettersi di realizzare interventi di questo tipo e il rischio sarebbe l’esproprio della proprietà.

Anche il Codacons ha espresso il proprio parere sulla vicenda affermando che la proposta è uno squilibrio nei confronti dei proprietari delle abitazioni e questo porterebbe ad un aumento ingiustificato dei prezzi. La norma potrebbe essere bloccata dalla Corte Costituzionale perché in conflitto con la Costituzione.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Condividi questa notizia:

Vuoi sapere quanto vale la tua casa?
Valuta gratuitamente online