Andamento e prospettive del settore residenziale in Italia

Pubblicata il 14/01/2020

La Fimaa (Federazione italiana mediatori agenti d’affari) ha tracciato tramite una sua recente analisi una fotografia del settore immobiliare residenziale italiano, osservando quanto è emerso nelle ultime settimane fra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. A emergere sono dei dati curiosi, che permettono di farsi un’idea di quello che è il mercato residenziale italiano, come è andato nei mesi scorsi e di alcune delle sue prospettive per il futuro.

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

L’andamento delle compravendite

Guardando all’andamento delle compravendite, rispetto al 2018 l’anno appena conclusosi ha segnato una crescita media del 4,3%. Al contrario, continuano a calare leggermente i prezzi degli immobili (si registra un -0,4%), anche se si preannuncia per il futuro un momento di maggiore stabilità.

Se state pensando di vendere casa, approfittando di questo momento di crescita dei prezzi, potete approfittare del servizio di valutazione casa di Dove.it, così da avere un'idea di quanto potrebbe valere il vostro immobile in questa nuova situazione di mercato.

Fra i contesti maggiormente attrattivi rientrano sempre le città capoluogo di provincia di grandi dimensioni, ma registrano una buona crescita soprattutto quelli di medie dimensioni (con una popolazione compresa tra i 100mila e i 300mila), in cui le compravendite crescono del +4,8%.

Il settore del nuovo stenta di più a crescere

Sul mercato residenziale italiano a pesare sugli scambi sono soprattutto gli immobili più datati e già presenti da tempo sul mercato, mentre il peso del nuovo rimane più contenuto, specialmente per due motivi:

  • il settore dei cantieri si sta riprendendo solo negli ultimi mesi dopo un periodo di crisi generale del settore

  • il nuovo tende ad avere un costo più elevato rispetto all’”usato” e non ovunque la richiesta di questo tipo di immobili è elevata

Nello specifico, la quota media degli scambi di appartamenti nuovi rispetto al totale delle compravendite rappresenta solo il 6%. In termini medi, nel 2019 il Centro Italia è stata la zona in cui è stato venduto il maggior numero di immobili nuovi (6,9% del totale), specialmente nei capoluoghi di provincia.

La casa dei sogni e le prospettive per il 2020

Un dato interessante che emerge da questa fotografia è anche il quadro della casa ideale che si immaginano di comprare gli italiani nel 2020. Fra i loro desideri, in modo particolare rientrano gli appartamenti in zone di pregio (specialmente in centro città), idealmente dal secondo piano in su, con ascensore, riscaldamento autonomo e almeno due bagni. La presenza di un terrazzo è un altro elemento che viene indicato come importante nella creazione di questa ipotetica casa dei sogni.