Contributi per gli affitti per sostenere le famiglie durante l’emergenza coronavirus

Pubblicata il 09/04/2020da Redazione

Il Governo italiano sta mettendo in campo numerosi provvedimenti per aiutare le imprese e le famiglie durante questo complesso periodo di crisi sanitaria ed economica dovuta all’epidemia di coronavirus. Ad esempio, per supportare i proprietari di immobili, è stata varata una misura per la sospensione dei mutui, ma ora arriva anche un importante provvedimento a sostegno di chi vive in un immobile in affitto.

Dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è stato infatti creato un fondo di 46 milioni di euro da utilizzare per un contributo agli affitti: vediamo insieme di cosa si tratta.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Un aiuto ai morosi incolpevoli

Come dichiarato da Paola De Micheli, ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, il decreto che ha firmato permette di assegnare alle regioni **risorse economiche **pari a 46 milioni di euro, da trasferire ai comuni, che si occuperanno di distribuirle a quegli inquilini che, non potendo far fronte al pagamento dei canoni di locazione, hanno subito sfratti esecutivi per morosità incolpevole.
Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

I dettagli tecnici del provvedimento

Quegli inquilini che hanno subito sfratti esecutivi per morosità incolpevole, potranno ricevere fondi per far fronte al pagamento dei canoni di locazione in sospeso.

Questo contributo all’affitto potrà essere erogato sia direttamente, con versamenti individuali, sia con il tramite delle Agenzie per l’affitto, che aiuteranno in veste di intermediari.

A prescindere da questo provvedimento, che è volto a disporre ulteriori misure per garantire a tutti e tutte il diritto per la casa, è comunque importante precisare che è stata richiesta e ottenuta dall’Unione Inquilini la sospensione degli sfratti e degli sgomberi fino al 30 giugno 2020, per evitare di mettere ulteriore pressione sulle famiglie in difficoltà.

Una misura eccezionale per questi tempi di crisi

Il comunicato tramite il quale il Ministero spiega il provvedimento precisa che “si tratta di una misura eccezionale per tamponare le ricadute negative, economiche e sociali, dell’emergenza sanitaria”. Grazie a questo importante contributo economico si vuole assicurare il sostegno, che in molti casi è diventato assolutamente necessario per evitare il prolungarsi della morosità incolpevole, ai cittadini per l’accesso alla casa in locazione.

Questo provvedimento si è rivelato imprescindibile proprio perché, come dicevamo, può aiutare a limitare l’aumento di morosità dovute al fermo lavorativo causato dalle restrizioni per combattere la diffusione dell’epidemia di coronavirus. Il contributo sarà **prezioso sia per gli inquilini che anche per i proprietari **delle case, che avrebbero altrimento dovuto rinunciare a una fonte di guadagno, in un momento in cui, se anch’essi non stanno lavorando, può rappresentare l’unica fonte di reddito. In questo modo, si vogliono tutelare entrambe le categorie coinvolte, cercando di dare sollievo tanto agli inquilini quanto ai proprietari degli immobili.

Condividi questa notizia:

Vuoi sapere quanto vale la tua casa?