Come calcolare la classe energetica della casa

Aggiornata il 31/03/2021da Redazione
Calcolare la classe energetica della casa è necessario se si intende vendere o affittare un immobile. Dal 2013 è stato introdotto l’obbligo di allegare l’attestato di prestazione energetica per determinate operazioni immobiliari. Scopriamo insieme cosa intende per classe energetica, come calcolare il valore energetico di una casa e capiamo perché è importante farlo.
Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Che cos’è e come si calcola la classe energetica

Conoscere la classe energetica è importante perché permette di sapere il fabbisogno energetico di un edificio o di un’abitazione. I criteri secondo cui viene assegnata una classe dipendono dai materiali di costruzione, dalla tipologia di infissi, dall’impianto di riscaldamento, dalla produzione di acqua calda e dal sistema di illuminazione.

L’attestato deve essere prodotto tramite dei professionisti certificati e l’APE permette di indicare le caratteristiche energetiche di un immobile. Le classi energetiche vanno da G ad A4 e il documento ha una validità di 10 anni. Più la classe energetica è bassa, maggiori saranno i consumi dell’abitazione stessa.

Anche se non si fa uso di un professionista, è possibile stimare la classe energetica della propria casa. È importante conoscere i parametri che influenzano il calcolo. Alcuni di questi parametri sono:

  • la geometria e l’esposizione dell’immobile;
  • la tipologia degli impianti;
  • la presenza di impianti dotati di ventilazione meccanica.

Il riscaldamento invernale è uno dei principali fattori che concorrono a questo calcolo. Nel caso di riscaldamento autonomo è necessario ricostruire il consumo annuo di gas metano ricavandolo dalle bollette, moltiplicarlo per 8,3 (kWh prodotti da un metro cubo di gas) e in seguito dividere il risultato per i metri quadri della superficie. Il consumo per metro quadro è il dato che ti permetterà di stimare la classe energetica della casa. La classe energetica dipende poi dalla zona climatica in cui si trova l’abitazione.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Esempio di stima della classe energetica

Tenendo in considerazione un appartamento situato nel nord Italia con una superficie pari 120 mq dotato di impianto a riscaldamento autonomo Tra ottobre e marzo il consumo è pari a 1300 m³ di metano, mentre nei mesi estivi è di 300m³. Il consumo può essere calcolato nel seguente modo 1300 - (2 x 300) = 700 metri cubi che forniscono una stima riguardo i metri cubi consumati per il riscaldamento.

Dividendo i 700 metri cubi di gas metano consumato per la superficie dell’immobile otterremo il consumo di 46,66 kWh/anno per metro quadro. La classe energetica del nostro immobile è pari a B.

Le classi energetiche di un’abitazione sono A+ con un consumo di 15 kWh/anno per metro quadro, A con 15 e 30 kWh per mq, B 31-50 kWh per mq; C 51-70 kWh per mq; d 71-90 kWh per mq; E 91-120 kWh per mq; F 121-160 kWh per mq; G oltre i 160 kWh per mq.

Gli step da seguire per aumentare la classe energetica

A seguito del calcolo della classe energetica è possibile valutare se procede con degli interventi di efficienza energetica. Ogni intervento che si intende fare sull’abitazione è un investimento che ripagherà con minori spese nei mesi o anni successivi. Un ulteriore beneficio è l’aumento del valore economico dell’immobile perché ha un costo minore di mantenimento e rispetta maggiormente l’ambiente.

Negli ultimi anni è stato introdotto l’Ecobonus che permette di realizzare degli interventi di efficientamento energetico e permette di usufruire di una detrazione.

Per calcolare in modo efficace la classe energetica della casa e valutare quali interventi eseguire è consigliato affidarsi ad un tecnico abilitato.

Il massimo livello a cui si può aspirare di classe energetica è quello di avere una casa passiva e che non fa uso di termosifoni o caldaie. I risparmi che può ottenere sono nell’ordine del 90%.

Chi redige e quanto costa

L’APE viene redatto da un soggetto non coinvolto nella proprietà che è il certificatore energetico. I principali casi in cui deve essere redatta l’APE e allegata alla documentazione sono:

  • la compravendita immobiliare;
  • la donazione immobiliare;
  • l’affitto di un’unità immobiliare;
  • la vendita di nuove costruzioni;
  • la ristrutturazione del 25% della superficie.

L’APE non ha un costo fisso e può costare solitamente tra i 100 e i 300€.

Condividi questa guida:

Vuoi vendere al miglior prezzo?