Vendita casa coniugale con figli maggiorenni e non

Aggiornata il 31/03/2021da Redazione
Durante il processo di divorzio si può presentare la necessità di dover vendere una casa cointestata. La vendita di una casa coniugale in questa fase può presentare alcune difficoltà legate all’assegnazione dell’immobile e a chi abbia il diritto di continuare a risiedervi.
Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Come viene assegnata la casa coniugale

Durante il processo di separazione, se non viene raggiunto un accordo fra le parti riguardo la gestione di un immobile, è possibile affidarsi ad un giudice. Il giudice, tramite separazione giudiziale, stabilisce chi sia il coniuge assegnatario. Il coniuge collocatario è quello presso il quale verranno collocati i figli.

Come disposto all’interno dell’articolo 337 sexies, il giudice tiene in conto l’interesse dei figli e dei rapporti economici che intercorrono tra i genitori (compreso il diritto di proprietà). Il giudice mira a preservare la crescita dei figli dei due coniugi in base a dove il nucleo familiare aveva stabilito in precedenza di voler vivere. L’assegnatario perde il diritto di godimento della proprietà nel caso in cui non abita più stabilmente presso l’abitazione o contragga un nuovo matrimonio. L’assegnazione è indipendente dal titolo di proprietà, ma bisogna tenere in considerazione il titolo di proprietà e comprendere il possibile assegno di mantenimento per i figli.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Coppia con figli maggiorenni

Al momento del raggiungimento della maggiore età il genitore collocatario non perde in modo automatico il diritto ad abitare presso l’abitazione. Il principio di riferimento non è quello legato all’età, ma quello di indipendenza economica di essi. Il figlio deve raggiungere una certa indipendenza economica e bisogna valutare che questo non prolunghi di troppo il periodi degli studi o di ricerca di una posizione lavorativa.

Nel caso in cui il figlio comunque continui gli studi o abbia difficoltà a trovare una posizione lavorativa, il genitore collocatario può rimanere presso l’abitazione. Quando raggiunge l’effettiva indipendenza economica, l’immobile può ritornare in possesso del coniuge proprietario.

Coppia con figli minorenni o non autosufficienti

Nel caso di figli minorenni possono presentarsi due situazioni. In caso di separazione consensuale, la coppia ha la possibilità di vendere un immobile e la vendita non deve essere in conflitto con l’interesse dei figli. Un accordo di questo tipo è bene che sia scritto per evitare possibili ripensamenti da parte di uno dei due coniugi e pensare al bene dei figli.

Il secondo caso, come accennato in precedenza, è la separazione giudiziale. Il genitore proprietario dell’immobile, che non sia il collocatario dello stesso, ha la possibilità di vendere l’immobile salvo aspettare che i figli siano economicamente autosufficienti. Se decidesse di venderlo in attesa che i figli diventino economicamente autosufficienti potrebbe vedersi riconosciuto un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello di mercato.

Coppia senza figli

Nel caso in cui la coppia non abbia avuto figli, il diritto alla tutela di essi decade. L’assegnazione avverrà in base all’effettivo proprietario dell’immobile e nel caso quindi di una casa coniugale cointestata bisognerà raggiungere un accordo di vendita con una terza parte o ad uno dei coniugi.

In questo caso non è possibile assegnare l’immobile al coniuge con il minor reddito o il minor patrimonio. Il giudice potrà stabilire invece un assegno di mantenimento.

Rimane sempre valida la possibilità per le parti di raggiungere un accordo in forma privata senza l’intervento del giudice.

Vendita della casa prima della separazione

È possibile che la casa sia venduta prima della separazione. Se uno dei due coniugi non ha ottenuto la possibilità di vedersi assegnato l’immobile, risulterà come occupante abusivo di un immobile. La risoluzione della situazione sarà a carico del nuovo proprietario che potrà decidere se procedere con un’azione legale o lasciare alla persona presso l’immobile la possibilità di occuparla a fronte di un canone di affitto.

Se si desidera procedere con la vendita di un immobile è bene affidarsi ad un’agenzia immobiliare e ad un esperto che ti permettano di avere la sicurezza necessaria a concludere la vendita in tempi rapidi.

Condividi questa guida:

Vuoi vendere al miglior prezzo?