Diventa socio di Dove.it.Scopri la campagna su

Annullamento del condono edilizio: quando è possibile farlo

Pubblicata il 07/10/2021da Redazione

E’ possibile ottenere l’annullamento del condono edilizio? Se sì, quali condizioni devono essere rispettate?

Prima ancora di approfondire l’argomento è importante chiarire cosa si intende per condono edilizio.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Cos’è il condono edilizio

ll condono edilizio è un provvedimento statale attraverso cui ciascun cittadino ha la possibilità di regolarizzare la propria posizione edilizia nel caso in cui quest’ultima sia in contrasto con una o più norme urbanistiche.

In particolare, tramite il condono edilizio è possibile ottenere la cancellazione di una multa o di una sanzione ricevuta a causa di un’irregolarità presente nella propria costruzione. Nella maggior parte dei casi, le anomalie sanzionate riguardano:

  • opere realizzate senza licenza, concessione edilizia o autorizzazione a costruire prescritte dalla legge;
  • opere realizzate in base a una licenza, una concessione edilizia o un’autorizzazione annullata, decaduta o inefficace, o comunque in procinto di divenire tale poiché oggetto di procedimento amministrativo.
Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

Come ottenere il condono edilizio

I cittadini interessati devono presentare la domanda per il condono edilizio presso l’ufficio del Condono del Comune, il quale provvede a fornire ogni informazione utile relativa ai moduli necessari da compilare e alle scadenze da rispettare.

Per quanto riguarda, invece, l’annullamento del condono edilizio, la Suprema Corte di Cassazione è intervenuta con sentenza n. 34896/2021 chiarendone espressamente le condizioni.

In particolare, i supremi giudici hanno affermato che l’annullamento del condono edilizio può intervenire nel caso in cui la domanda di condono sia stata formulata con modalità tali da eludere la normativa vigente disposta in materia di sanatoria.

Più specificamente, il caso di specie riguardava due distinte istanze di sanatoria presentate da parte di due soggetti diversi, ma aventi ad oggetto un immobile in comproprietà per il quale non era stata operata alcuna divisione né frazionamento. I due richiedenti, infatti, speravano che il deposito di due distinte domande di condono, anche se relative a un’unica unità immobiliare, avrebbe garantito loro la concessione del condono edilizio, sebbene il volume dell’immobile considerato nella sua interezza risultasse ben maggiore rispetto al limite di 750 metri cubi previsti per il condono (in particolare, 1050 metri cubi).

Ebbene, la Corte ha espressamente sancito che questo modus operandi si configura come elusivo del limite legale di volumetria dell’immobile per la concessione del condono, e dunque contrario a norma di legge.

Di conseguenza, la Cassazione ha evidenziato che nel caso in cui il condono edilizio venga ottenuto tramite la modalità fraudolenta appena descritta, il giudice può accertare d’ufficio l’illegittimità del titolo, disponendo dunque l’annullamento e la disapplicazione dell’atto di condono rilasciato dalla PA.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Condividi questa notizia:

Vuoi sapere quanto vale la tua casa?
Valuta gratuitamente online