Ecobonus 110: visto di conformità come ottenerlo

Pubblicata il 02/12/2020da Redazione

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha rilasciato una check list da seguire per ottenere il visto di conformità. Le detrazioni principali prese in considerazione sono l’Ecobonus 110 e sismabonus.

L’Ecobonus 110 e il visto di conformità sono collegati e la check list contiene tutti i documenti necessari per permettere al contribuente di eseguire gli adempimenti previsti.

Il decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 è la misura adottata dal governo per fronteggiare le difficoltà che le persone stanno incontrando in seguito agli effetti del Covid-19. Nel decreto viene sancito espressamente che il visto di conformità sia il documento necessario a garantire il diritto all’ecobonus e al sismabonus.

Vediamo insieme quali sono i principali documenti segnalati dal Consiglio Nazionale.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Elementi principali

Il visto di conformità è il documento che permette al soggetto abilitato di verificare l'effettivo riscontro dei dati presenti nella documentazione. Inoltre viene verificata anche l’applicazione delle disposizioni riguardanti detrazioni, crediti d’imposta e oneri.

L’attività che viene svolta dal commercialista è di tipo formale con il fine di evitare possibili errori di calcolo riguardo imponibili, imposte e ritenute.

Il visto di conformità può essere rilasciato da iscritti all’albo dei commercialisti, esperti contabili e consulenti del lavoro. Inoltre il visto attesta la “sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta”.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Documenti principali da controllare per l’ottenimento del visto

I documenti principali da controllare per l’ottenimento del visto sono:

  • idoneo titolo di possesso dell’immobile e gli interventi possono essere realizzati da condomini, persone fisiche al di fuori dell’attività di impresa e organizzazioni

  • trasferimento dell’immobile mortis causa nel caso di acquisizione dell’immobile per successione le quote si trasferiscono agli eredi che detengono il bene

  • la detrazione spettante da superbonus spetta a tutti quei soggetti che siano in possesso o meno di redditi imponibili

  • possesso delle abilitazioni amministrative in relazione alla classificazione dei lavori da realizzare

  • deposito all’ufficio competente delle relazioni tecniche preventive ai lavori nel caso di interventi per efficienza energetica

  • prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti devono tenere conto anche delle spese sostenute negli anni pregressi

  • comunicazione preventiva all’Azienda Sanitaria Locale

  • il certificato catastale che indichi l’esistenza di edifici censiti al catasto

l’atto di cessione dell’immobile permette di trasferire le quote rimanenti di detrazione all’acquirente

  • documenti che attestino il sostenimento della spesa (l’intestatario del documento e l’oggetto della fattura)

  • bonifico bancario che attesti il pagamento di fatture sostenute per i lavori e la causale che riporti la norma di riferimento

  • documentazione riguardante le spese non sostenute tramite bonifico bancario

  • dichiarazione sostitutiva riguardante il limite massimo di spesa ammesso

  • dichiarazione dove si attesta che il contribuente non fruisce di altri contributi per lo stesso intervento soggetto a detrazione fiscale

  • presentazione di documenti per lavori che riguardino parti comuni di un condominio

  • ricevuta di trasmissione all’ENEA con le descrizioni dell’intervento eseguito

dichiarazione di un tecnico che attesti il rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati

  • polizza di assicurazione del professionista che redige l'asseverazione
  • sconto in fattura o consenso alla cessione del credito

Il documento di ricerca approfondisce ognuno di questi aspetti sia per il contribuente sia per i soggetti che sono deputati all’apposizione del visto di conformità.

La comunicazione finale per l’opzione di cessione/sconto all’Agenzia delle Entrate deve essere inviata a partire dal 15 ottobre 2020 fino al 16 marzo dell’anno successivo in cui le spese sono state sostenute.

La comunicazione per gli interventi che danno diritto al Superbonus, deve essere inviata a partire dal quinto giorno lavorativo successivo al rilascio da parte dell’ENEA della ricevuta di trasmissione.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?