Quali sono i requisiti per ottenere un secondo mutuo?

Pubblicata il 31/01/2020da Redazione

Se hai già un finanziamento attivo, ma stai pensando di richiedere un secondo mutuo, magari perché desideri comprare casa e hai bisogno di maggiore liquidità, ci sono alcuni punti da tenere a mente. Non è infatti impossibile richiedere un secondo mutuo, poiché non ci sono leggi che limitino la possibilità di chiedere più di un finanziamento alla volta, ma bisogna tenere conto che in questo caso le garanzie richieste dagli istituti di credito saranno maggiori, poiché aumenta il rischio per i richiedenti di divenire inadempienti. Le banche, sia per proteggersi da questo aspetto che da eventuali crisi di liquidità interne, prevedono quattro requisiti al fine di concedere un secondo mutuo.

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

La situazione lavorativa

Un requisito fondamentale è rappresentato da stipendio e tipo di contratto lavorativo del richiedente. In questo senso, infatti, non avere una busta paga fissa, avere un contratto di lavoro a termine o non aver presentato una dichiarazione dei redditi nei due anni precedenti potrebbero ad esempio rappresentare degli ostacoli in sede di richiesta del finanziamento. Al contrario, dimostrare di avere una buona stabilità economica, data ad esempio dalla presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato, rende più semplice richiedere un secondo mutuo.

Le segnalazioni negative

La banca verifica la presenza di eventuali segnalazioni negative che riguardano il cliente, provenienti da altri istituti bancari e dalla Banca d’Italia. Se presenti, queste segnalazioni rendono impossibile chiedere un secondo mutuo.

Le garanzie che il cliente può offrire

Per evitare che il mutuatario sia impossibilitato a pagare, di norma gli istituti concedono, nel caso di un mutuo per una casa, crediti per un importo pari al massimo all’80% del valore dell’immobile. Se si desidera coprire il 100% della spesa programmata, sarà necessario fornire ulteriori garanzie di sicurezza. Nel caso di un secondo mutuo, può essere richiesta inoltre un’ipoteca di secondo grado sul bene che si vorrebbe acquistare.

La presenza di altri mutui

Un ostacolo alla concessione di un secondo mutuo può essere data proprio dalla presenza di un finanziamento precedente in corso nel caso in cui questo stia già assorbendo più del 30% dello stipendio.

Questa problematica può essere risolta scegliendo di cointestare il nuovo mutuo a un’altra persona, ad esempio il coniuge, a condizione che sia a sua volta titolare di un reddito e che non abbia altri prestiti a suo carico.

In alternativa si può ricorrere alla fideiussione, attraverso la quale un terzo soggetto si pone come garante in caso di inadempienza.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?