Immobiliare Milano: lavorare in città e abitare fuori

Pubblicata il 29/06/2021da Redazione
La città di Milano ha i prezzi al metro quadro maggiori di tutta Italia. Sostenere l’acquisto di un’abitazione è decisamente dispendioso e una delle possibilità che le persone stanno valutando è quella di vivere nei paesi limitrofi per sostenere un costo inferiore per vivere. Maiora Solutions ha realizzato un’analisi in termini di costi/benefici dove sono state analizzate le possibilità di lavorare nella città di Milano e vivere a 50 chilometri di distanza nelle città di Torino, Genova, Bergamo e Brescia.
Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Vivere fuori Milano

Negli ultimi anni si è assistito ad una crescita dei prezzi degli immobili ad uso residenziale nella città di Milano.

L’analisi ha preso in considerazione l’acquisto di un appartamento di 80 metri quadri con un mutuo a tasso fisso di 30 anni per un importo pari all’80% del valore della casa. Le città messe a confronto sono state:

  • Milano
  • Torino
  • Genova
  • Bergamo
  • Brescia.

Il paragone è stato fatto sulla rata mensile del mutuo sulla città di Milano rispetto al costo della rata del mutuo in un’altra città e del trasporto ferroviario per raggiungere Milano.

Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

I costi per singola città

Il prezzo medio al metro quadro a Milano è di 4.740 euro e per l’appartamento di riferimento il costo totale sarebbe pari a 380.000 euro con un rata mensile del mutuo intorno ai 1.000 euro. A Torino, Genova e Brescia il costo della rata del mutuo sarebbe di 350-390 euro mensili.

La tratta ferroviaria Torino-Milano è la più cara con 375 euro mensili e aggiungendo la rata del mutuo pari a 370 euro, il costo rispetto a Milano sarebbe solo del 30% in meno.

La città di Bergamo ha costi al metro quadro di media di 2.100 euro con una rata del mutuo pari a 460€. Tra costi di trasporto e rata del mutuo, il costo sarebbe di 615€ mensili con un risparmio del 40%.

Il costo medio generale di Milano è quindi del 30-50% maggiore rispetto all'acquisto di una casa e ad un abbonamento ai mezzi pubblici per il trasporto verso il capoluogo di regione.

Secondo i fondatori di Maiora Solutions, il miglioramento dei collegamenti dei trasporti ha reso più attrattiva la possibilità di vivere in centri urbani vicini e non rimanere a Milano.

In seguito alla pandemia il concetto di smart working è stato sdoganato e la perdita di tempo nei trasporti sarebbe minore grazie ai giorni in cui si lavora dalla propria abitazione.

I cittadini hanno quindi maggiori benefici rispetto ad un tempo nel vivere nelle province vicine a Milano, dato sia dalla rapidità dei collegamenti che dai prezzi minori per l’acquisto di abitazioni.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Condividi questa notizia:

Vuoi sapere quanto vale la tua casa?