Proroghe bonus casa: legge di bilancio 2021

Pubblicata il 23/12/2020da Redazione

La manovra di bilancio ha previsto alcune proroghe per i bonus legati al settore immobiliare per il 2021. La manovra dovrà essere approvata entro il 31 dicembre 2020 per entrare in vigore a partire dal 1 gennaio 2021.

Di seguito sono descritti i bonus con le principali caratteristiche e il potenziale periodo di proroga.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Ecobonus

L’intenzione è di estendere l’ecobonus fino al 2021 e le aliquote del 2020 si intendono valide per l’anno successivo. La detrazione fiscale che varia dal 50 al 65% include interventi ai pavimenti, coibentazioni, finestre, installazione di impianti fotovoltaici e sostituzione di impianti per la climatizzazione

L’ecobonus è una detrazione Irpef o Ires a secondo del soggetto che la richiede e ha l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Per gli interventi realizzati su parti comuni degli edifici condominiali la detrazione è al 70-75%.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Ecobonus 110%

L’ecobonus 110% viene riconosciuto solo per quei lavori che hanno maggiori performance a livello di risparmio energetico o di adeguamento antisismico. Per il superbonus la situazione non è ancora chiara. La proroga potrebbe essere fino alla fine del 2022 per interventi di cui sia stato completato il lavoro per almeno il 60% a giugno 2022 e includerà tutte le spese sostenute fino al 31 dicembre 2022.

Bonus facciate

Il bonus facciate è una detrazione che si intende prorogare per tutto il 2021. La detrazione è pari al 90% delle spese sostenute per interventi che riguardino la ristrutturazione delle facciate. Gli edifici si devono trovare in zone A o B. Le spese riconosciute sono quelle realizzate tramite bonifico bancario o postale.

Bonus verde

Il bonus verde si intende prorogarlo fino al 31 dicembre 2021 e prevede la detrazione al 36% per le spese sostenute per il rinnovamento di aree verdi.

Le principali aree verdi incluse sono:

  • impianti di irrigazione
  • realizzazione pozzi
  • giardini pensili
  • realizzazione di coperture a verde
  • aree verdi generali

La detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali dello stesso importo e l’importo massimo ottenibile è di 1.800€ per immobile (36% di 5.000€) per singola unità immobiliare.

Bonus mobili

La detrazione fiscale bonus mobili è pensata per l’acquisto di grandi elettrodomestici e per mobili nuovi. La detrazione Irpef è del 50%, include elettrodomestici con classe non inferiore a A+ ed è pensata per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

La detrazione si ottiene indicando le spese sostenute all’interno della dichiarazione dei redditi. È necessario ripartire la detrazione in dieci quote annuali di pari importo. L’emendamento alla manovra intende incrementare l’ammontare da 10mila a 16 mila euro.

Bonus ristrutturazioni

Il bonus ristrutturazioni si intende prorogarlo fino al 31 dicembre 2021 e prevede una detrazione Irpef al 50% per tutte le spese sostenute per recupero edilizio. Il limite massimo di spesa è di 96.000€ per ciascuna unità immobiliare. La detrazione sarà della metà per immobili residenziali ad uso promiscuo (attività commerciale, arte, professione).

È necessario ripartire la detrazione in dieci quote annuali di pari importo. La detrazione è prevista per tutti quei soggetti che acquistino fabbricati a uso abitativo ristrutturati.

Bonus bagno

Il bonus bagno è un contributo economico per gli interventi di riqualificazione idrica realizzati per il bagno. L’ammontare del contributo economico è di 1.000€. Il contributo economico verrà riconosciuto nei seguenti casi: per vasi sanitari riguarderà la fornitura e la posa in opera con volume massimo di scarico di 6 litri rubinetti con portata inferiore o uguale a 6 litri d’acqua al minuto Soffioni doccia e colonne doccia con una porta limitata a 9 litri d’acqua al minuto

La commissione ha stanziato una dotazione di 15 milioni di euro.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?