Regole di condominio: cosa cambia durante l’emergenza coronavirus?

Pubblicata il 02/04/2020da Redazione

L’emergenza coronavirus ci sta portando a cambiare molte delle nostre normali abitudinie anche la vita condominiale ha dovuto inevitabilmente subire delle modifiche, in modo da rispettare al meglio le norme date dal Governo per evitare la diffusione del contagio.

Vediamo come cambiano le regole di condominio e quali sono le attività permesse.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Smart working per gli amministratori di condominio

Secondo quanto indicato dal Governo, l’amministrazione di condominio non rientra fra le attività professionali che devono obbligatoriamente essere sospese durante questo periodo di crisi, ma è ovviamente caldamente consigliato svolgere a distanza e tramite lavoro agile tutte le incombenze di prima necessità e rimandare le attività meno urgenti.
Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

Assemblee condominiali in videoconferenza?

Attualmente non c’è nessuna norma specifica che disciplina la partecipazione dei condomini ad assemblee condominiali a distanza, ma vi è la possibilità di “consentire l’intervento all’assemblea mediante mezzi di telecomunicazione”. Può quindi essere possibile attuare questa modalità, ove previsto nel regolamento di condominio e sempre che si garantisca a tutti la possibilità di intervenire nelle discussioni.

Garantita la manutenzione degli stabili

Fra le attività che non vengono sospese, Confedilizia ha specificato che rientrano quelle delle imprese di pulizia e delle altre professionalità che lavorano per la manutenzione delle parti comuni degli stabili e degli impianti, così da continuare a mantenere uno standard qualitativo e igienico consono, sempre importante, ma ancor più necessario in questo momento di crisi sanitaria.

Le norme igienico-sanitarie da rispettare in condominio

Per contenere il contagio, è importante rispettare le misure indicate nell’allegato 1 del d.p.c.m. dell’8 marzo anche all’interno dei condomini. Fra le misure, che dovrebbero essere anche affisse in luoghi comuni e visibili degli stabili, rientrano questi utili consigli, da attuare nel caso si abbiano contatti con altre persone all’interno del proprio condominio e per mantenere le aree comuni luoghi sicuri:

  • lavarsi spesso le mani

  • evitare abbracci e strette di mano

  • mantenere, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro

  • igiene respiratoria, ovvero tossire e starnutire evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie, coprendosi bocca e naso con la piega del gomito

  • pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol

A titolo di esempio, costituisce l’applicazione di queste indicazioni l’utilizzo dell’ascensore dello stabile una persona alla volta, pulire con una soluzione alcolica (possibilmente più volte nell’arco della giornata) pulsantiera e maniglie e lavarsi le mani appena rientrati in casa dopo essere stati negli spazi comuni del condominio o all’esterno.

Condividi questa notizia:

Vuoi sapere quanto vale la tua casa?