Bonus verde: come funziona la detrazione nel 730 per il 2020?

Pubblicata il 22/06/2020
detrazione bonus verde 2020

Fra le spese per la casa detraibili nel 730 per l’anno attualmente in corso, rientra anche quella effettuata per il bonus verde, un importante beneficio che sostiene tutti coloro che scelgono di effettuare interventi di miglioria, rinnovo e installazione di aree verdi nella propria abitazione o a livello condominiale, con validità prorogata fino al 31 dicembre 2020.

Come si deve procedere per detrarre il bonus verde? Vediamolo insieme.

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

I dettagli della detrazione

L’Agenzia delle Entrate ha fornito delle precise istruzioni per la compilazione del modello 730 precompilato per il 2020, con un focus anche sul bonus verde. In questo caso, per gli anni 2018 e 2019 spetta una detrazione dell’imposta lorda per un importo pari al 36% delle spese documentate, di un ammontare complessivo che non supera i 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo interessata dagli interventi.

Il rimborso della detrazione sarà ripartito in dieci quote annuali, costanti e di pari importo, ricevute nell’anno di sostenimento delle spese e per quelli successivi.

Quali spese sono detraibili?

Sono detraibili all’interno del 730 le spese sostenute per effettuare i seguenti interventi che ricadono sotto il bonus verde:

  • la realizzazione di coperture a verde e giardini pensili

  • la cosiddetta “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici già esistenti, unità immobiliari, recinzioni o pertinenze

  • l’installazione di impianti di irrigazione e di pozzi

  • progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi effettuati

Per poter usufruire della detrazione, i pagamenti per gli interventi sostenuti devono essere effettuati con strumenti che consentano la tracciabilità delle operazioni.

Detrazione anche per interventi in condominio?

Come detto, si conferma la detrazione anche per tutte quelle spese rientranti nel bonus verde che vengono effettuate per interventi sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali. In questo caso, l’importo è di un massimo di 5.000 europer unità immobiliare a uso abitativo e, come evidenziato dall’Agenzia delle Entrate, la detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota imputabile, a condizione che la stessa venga versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Il codice 730 del bonus verde

La “Colonna 2 (Tipologia)” contiene, fra le altre cose, anche l’indicazione delle spese sostenute per gli interventi rientranti nel bonus verde effettuati fra il 2018 e il 2019. In particolare, i codici da indicare sono:

  • 12 per le spese di sistemazione a verde di aree scoperte private, realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2019

  • 13 per le spese di sistemazione a verde sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2019

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?