Tavolo sull’edilizia al Mise per rilanciare il settore

Pubblicata il 13/12/2019da Redazione

L’11 Dicembre 2019 si è svolto al Ministero dello Sviluppo Economico un incontro fra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le associazioni e i sindacati del settore edile, un **tavolo sul settore edilizio **per fare il punto sulla situazione del comparto e supportarlo al meglio negli anni a venire.

La decisione di avviare questo tavolo di confronto è stato accolto in modo molto positivo dalle associazioni di categoria del settore immobiliare, che si sono impegnate a inviare degli spunti di ragionamento entro la metà di gennaio, così da poter definire un calendario dei tavoli tecnici per le proposte operative da attuare per supportare l’edilizia italiana.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Gli obiettivi del tavolo sull'edilizia

Il ministro Stefano Patuanelli ha affermato in una nota che “L’obiettivo di questo incontro è quello di avviare un confronto al fine di individuare nuove misure e verificare gli strumenti esistenti, in modo da dare risposte funzionali al rilancio di un settore da anni in difficoltà. L’edilizia rappresenta, sia per numero di imprese e lavoratori coinvolti, sia per il volume di fatturato prodotto, uno dei settori di traino dell’economia italiana e quindi parte importante della politica industriale del nostro Paese”.
Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

Le misure su cui riflettere

Gli attori di questa discussione hanno intenzione di riflettere su numerose misure messe in campo negli ultimi anni, in particolare al centro del dibattito sono:

  • le detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione degli edifici

  • la proroga degli incentivi del Piano Impresa 4.0

  • il sostegno agli investimenti di sviluppo territoriale sostenibile dei comuni e di investimento nelle azioni di efficientamento energetico, in riferimento alla norma Fraccaro, recentemente resa strutturale

  • la semplificazione burocratica, specialmente in riferimento alla garanzia della certezza dei tempi per la realizzazione delle opere pubbliche

L'ecosostenibilità al centro

Un tema che è emerso come particolarmente sentito è quello dell’ecosostenibilità del settore, che vuole puntare molto sui processi di riconversione e riqualificazione ambientale, molto sentiti sia dai privati, che desiderano diminuire spese e impatto sull’ambiente, che a livello delle istituzioni, che vogliono muoversi in una direzione più green. Tenendo in considerazione le trasformazioni tecnologiche in atto nel sistema produttivo e infrastrutturale del Paese, è importante che siano state trattate queste tematiche, a dimostrazione di un’attenzione all’attualità da parte di tutte le realtà coinvolte nel settore edilizio.

A conferma di questo intento, il Governo ha approvato nel suo Piano Casa per il 2020 numerose proposte e incentivi proprio per spingere a una maggiore attenzione all’ecosostenibilità e, in generale, per promuovere la riqualificazione degli immobili, con degli strumenti potenziati e semplificati per ampliare al massimo la platea dei beneficiari potenziali.

Condividi questa notizia:

Vuoi sapere quanto vale la tua casa?