Lodi: riqualificazioni immobiliari come base per la ripresa

Pubblicata il 08/05/2020da Redazione

Il settore immobiliare italiano, in seguito alla pausa forzata dovuta alle misure restrittive per contenere l’epidemia di coronavirus e come conseguenza del rallentamento economico, sta ovviamente, come molte altre realtà italiane, vivendo un momento (perlomeno sul breve periodo) di assestamento.

Per cercare di far fronte a questo momento particolarmente complesso, il comune di Lodi (che, fra l’altro, è il centro di una delle province maggiormente colpite dall’epidemia) ha deciso di puntare proprio sull’immobiliare per dare una spinta all’economia della città, dando ampio spazio soprattutto a progetti di riqualificazione e miglioramento.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Una svolta per le aree dismesse

Con un progetto che punta a far incassare al comune di Lodi una cifra di circa 5 milioni di euro in tre anni, l’ente vorrebbe finalmente procedere a dare una svolta alle condizioni di tutta una serie di aree dismesse della città, zone con ampie potenzialità che da anni attendono una trasformazione. In particolare, si tratta di:

  • l’ex Abb di viale Pavia

  • il consorzio agrario nei pressi della stazione ferroviaria

  • la ex Cetem, per un progetto che vede una prospettiva più sul lungo periodo

In bilancio sono già stati fissati gli introiti che potrebbero derivare dai permessi per costruire: 1,5 milioni nel 2020, 1,6 milioni nel 2029 e 1,7 milioni nel 2022.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Fondi da reinvestire nella città

Grazie alla realizzazione di questi progetti, il comune potrebbe avere nuove risorse per finanziare la realizzazione di opere pubbliche, che permetterebbero di arricchire ulteriormente il tessuto cittadino e, insieme alle riqualificazioni, di aumentare ulteriormente il valore del patrimonio immobiliare e l’appetibilità della città, con un risvolto positivo anche sulle quotazioni delle abitazioni nelle aree interessate (direttamente o indirettamente) da queste iniziative.

Se vuoi scoprire quanto vale il tuo immobile, puoi richiederci una valutazione immobile a Lodi gratuita e senza impegno. Inoltre, se vuoi approfittare di questo momento di fermento in ambito immobiliare per comprare casa nell’area, puoi visionare le nostre case in vendita a Lodi e rivolgerti alla nostra agenzia immobiliare a Lodi per tutto il supporto necessario.

Numerosi i progetti in cantiere

Fra le idee che sono state messe sul piatto per utilizzare i nuovi fondi che deriveranno da queste operazioni rientrano, ad esempio:

  • il rifacimento di piazza Matteotti

  • il progetto del nuovo archivio storico all’ex Linificio

  • gli interventi al cimitero Maggiore

  • il restauro dell’Incoronata

La scommessa è quella di riuscire effettivamente a partire a breve con i primi cantieri nelle zone più strategiche della città, anche per ridare progettualità e entusiasmo in seguito a un periodo difficile per la città e per la provincia.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?