Novità e dettagli del bonus facciate 2020

Pubblicata il 21/02/2020
bonus facciate

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente definito con precisione il set degli interventi compresi nel bonus facciate 2020, ovvero la maxi-detrazione Irpef/ires del 90% riservata alle spese sostenute nel 2020 per gli interventi attuati sugli edifici residenziali o non abitativi situati nelle zone urbanistiche A e B (o assimilate dalla normativa regionale o comunale).

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

I lavori per cui si può beneficiare del bonus

Gli interventi che permettono di usufruire delle agevolazioni sono numerosi e hanno a che fare con:

  • facciata, per interventi di pulitura, consolidamento, miglioramento delle caratteristiche termiche,tinteggiatura e rinnovo degli elementi costitutivi - ma solo se riguardano la parte esterna e visibile dell’edificio (escluse quindi le facciate interne)

  • balconi, per interventi di consolidamento, pulitura e tinteggiatura e rinnovo degli elementi costitutivi, sempre a patto che siano posti sulla facciata esterna. In questo caso, la manutenzione ordinaria è inoltre agevolata solo sulle parti comuni condominiali

  • cornicioni, per lavori riconducibili al decoro urbano

  • ornamenti e fregi, che, ai fini della detrazione, sono parificati ai balconi e quindi usufruiscono delle agevolazioni in caso di interventi come pulitura, tinteggiatura e rifacimento

  • grondaie, nel caso si attuino lavori di riparazione o sostituzione per le grondaie delle facciate esterne impianti. In questo caso, la detrazione riguarda solo le sistemazioni impiantistiche che si trovano sulla parte opaca della facciata (es. cavi di antenne e condizionatori)

  • parapetti e pluviali

  • spese per il noleggio dei ponteggi, anche se pagate a imprese diverse da quella che esegue i lavori

  • spese per la progettazione e altre spese professionali legate ai lavori (es. asseverazione, redazione, APE, perizie e sopralluoghi)

Se si effettuano lavori che coinvolgono questi elementi che non rientrano nei parametri specifici previsti dal bonus facciate, si può comunque usufruire della detrazione standard del 50% sulle ristrutturazioni edilizie.

Gli interventi che rimangono esclusi

Ci sono alcuni lavori che, pur riguardando elementi che fanno parte della facciata di un palazzo o delle aree comuni di un condominio, rimangono esclusi dalle agevolazioni previste dal bonus facciate 2020. Si tratta degli interventi di rifacimento di:

  • cancelli e portoni

  • finestre, vetrate, infissi e grate. In caso di riparazione o sostituzione senza modifiche dei materiali, della forma e/o dei colori, si può usufruire dell’agevolazione al 50% per interventi nelle parti comuni condominiali.

  • lastrico solare. Se nel rifacimento si raggiungono i requisiti di rendimento energetico si ha però diritto all’ecobonus al 65%

  • muro di cinta, che viene escluso in quanto non parte dell’involucro del fabbricato

  • tende e schermature solari, che beneficiano di ecobonus al 50% secondo le regole indicate all’allegato M del Dlgs 311/2006

  • tetto

Le agevolazioni edilizie standard al 50% rimangono invece comunque valide.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?