Assicurazione professionale per l’agente immobiliare: tutto quello che c’è da sapere

Pubblicata il 08/10/2020Aggiornata il 16/10/2020
assicurazione professionale agente immobiliare

Come tutte le professioni che portano a lavorare a contatto con il pubblico, anche l’agente immobiliare è un lavoro che può comportare tutta una serie di rischi, in primo luogo legati all’eventuale insoddisfazione di un cliente.

Per potersi tutelare anche a livello legale da questo tipo di inconvenienti, che possono per l’appunto capitare quando si svolge una professione così delicata e importante, che va presa seriamente e con professionalità, è necessario stipulare una polizza di assicurazione per agenti immobiliari. Si tratta di una pratica molto comune, una soluzione ideale per tutelare un professionista dell’ambito real estate, coprendo eventuali spese legali in caso di errori professionali, negligenze e contestazioni.

Vuoi lavorare nell’immobiliare? Consulta le posizioni aperte in Dove.it alla sezione lavora con noi del nostro sito per entrare nella nostra innovativa agenzia immobiliare.

Una forma di tutela fondamentale

Per chi svolge l’attività di mediatore in ambito immobiliare, avere a disposizione un’assicurazione professionale è estremamente importante, perché nelle trattative di compravendita possono non così raramente insorgere contestazioni di vario tipo, che possono anche sfociare in una discussione in tribunale.

Avere una polizza di sicurezza contro eventuali danni imputabili all’attività dell’agente immobiliare, come ad esempio eventuali vizi dell’immobile emersi in fase di rogito, può essere quindi una protezione molto utile per un mediatore.

L’assicurazione professionale per l’agente immobiliare entra in gioco in caso di errori professionali, contestazioni e negligenze, tutelando il professionista coprendo le eventuali spese legali che possono rivelarsi necessarie.

L’assicurazione è obbligatoria?

Per poter esercitare la professione di agente immobiliare è obbligatorio essere iscritti alla Camera di Commercio con il ruolo di mediatori. Come nel caso di tutte le altre categorie di professionisti iscritti alla Camera di Commercio, possedere un’assicurazione è obbligatorio e, di conseguenza, la polizza per agenti immobiliari è dunque un adempimento necessario per poter svolgere questo lavoro.

Quanto costa questa assicurazione?

Il costo dell’assicurazione per l’agente immobiliare non è univoco, ma cambia a seconda delle richieste e in base alla tipologia di esercizio e al massimale. Rivolgersi a vari professionisti nell’ambito può essere utile per trovare l’assicurazione più adatta alle proprie esigenze e alle proprie disponibilità di spesa, così da avere la copertura più congeniale rispetto alla propria specifica attività.

Relativamente al costo, è importante ricordare che la polizza di responsabilità civile può essere attivata anche dai professionisti che operano in uno studio associato: in questo modo, pagando un’assicurazione per un mediatore immobiliare, questa prevede una copertura per tutti i collaboratori, tutelando lo staff nel suo complesso.

Cosa copre l’assicurazione professionale?

La polizza sulla responsabilità civile professionale per l’agente immobiliare copre tutti i danni che possono essere arrecati ai clienti nello svolgimento della propria attività di mediazione, in particolare nello svolgimento dei compiti per i quali, a norma di legge, l’agente immobiliare può emettere fattura.

In questi specifici casi, l’assicurazione serve a tenere indenne l’agente immobiliare di quanto questi sia tenuto a pagare, in quanto civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento.

Sono di norma compresi:

  • locazioni immobiliari di qualsiasi genere

  • compravendita, affittanza e permuta di attivitàcommerciali, industriali, pubblici servizi e artigianali, compreso il disbrigo delle pratiche amministrative e le volture delle licenze

  • compravendita e permuta di immobili residenziali e terreni agricoli

  • appalti di lavori e forniture per manutenzione straordinaria e ordinaria di immobili di qualsiasi genere

  • danni derivanti dalla responsabilità civile per la conduzione dell’agenzia immobiliare

  • danni conseguenti allo smarrimento delle chiavi di immobili affidate per la vendita o la locazione

  • istruzione di pratiche di mutuo per compravendite immobiliari

  • danni conseguenti alla perdita, allo smarrimento o al danneggiamento di atti e documenti

  • sanzioni di natura fiscale e amministrative inflitte ai clienti per un fatto colposo commesso dall’agente

  • sanzioni per atti colposi commessi da collaboratori, risultati dalle registrazioni contabili e amministrative

Cosa non rientra nella polizza?

In primo luogo, è importante ribadire che l’assicurazione non tutela i mediatori che non sono iscritti alla Camera di Commercio o che, in generale, non sono autorizzati all’esercizio della professione in quanto non dotato del patentino da agenti immobiliari. Allo stesso modo, l’agente immobiliare non è tutelato nel caso abbia delegato a un altro soggetto privo di requisiti lo svolgimento dell’attività di mediazione di qualsiasi genere - un comportamento considerato illegale.

Parlando invece delle tipologie di comportamenti scorretti commessi dall’agente che non sono rientrano nella copertura assicurativa, vi rientrano tutti gli atti dolosi, le frodi e gli illeciti di cui l’assicurato risulta essere a conoscenza e che ha compiuto consapevolmente. Ad esempio, il mediatore ha l’obbligo di rendere noti eventuali abusi edilizi e problemi di agibilità di un immobile: se consapevolmente sceglie di non farlo, può essere perseguito legalmente e l’assicurazione non fornisce una copertura per le spese legali.

Condividi questa guida:

Vuoi diventare agente dove.it?