Diventa socio di Dove.it.Scopri la campagna su

Cambio intestatario mutuo: si può cambiare?

Aggiornata il 07/10/2021da Redazione

Dopo aver acquistato un’abitazione con mutuo, si può decidere dopo alcuni anni di vendere la propria abitazione per trasferirsi in un'altra.

È possibile per un proprietario di casa cambiare l’intestatario del mutuo quando voglia vendere casa?

Vediamolo insieme.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Cambio intestatario del mutuo: è possibile?

Il cambio dell’intestatario del mutuo è possibile ed è una garanzia che deve essere prevista all’interno del contratto.

A seguito della richiesta di cambio, l'istituto bancario dovrà procedere con le verifiche sul nuovo soggetto che si accollerà il mutuo per capire se questa persona è effettivamente solida.

Le altre possibilità a disposizione di una banca sono la rinegoziazione e la surroga del mutuo.

Una volta identificata la persona con cui realizzare il cambio dell’intestazione, le possibilità a disposizione sono due.

Stai comprando la casa giusta?
Ottieni una seconda opinione da un consulente esperto che ti affiancherà dalla valutazione al rogito.

Sostituzione mutuo con accollo

La prima soluzione a disposizione del mutuatario è quella di procedere con la sostituzione del mutuo con accollo.

L'accollo del mutuo prevede il cambio di intestazione tramite un accordo tra il mutuatario (accollato) e un terzo soggetto (l’accollante). L’accollante si farà carico del piano di ammortamento e si impegnerà a pagare il debito residuo del mutuo. Una volta che si realizzerà l’accollo, l’accollato sarà libero dal contratto di mutuo.

I soggetti coinvolti in questa operazione sono l'istituto di credito che è il creditore, l’accollato e l’accollante.

Le tipologie di accollo sono due:

  • l’accollo liberatorio permette di liberare in modo completo l’accollato, l’accollante provvederà a versare le rate restanti e avrà il vantaggio di risparmiare tutte quelle spese accessorie necessarie all’accensione del mutuo;
  • l’accollo cumulativo comporta che i soggetti responsabili per il mutuo siano sia l’accollato che l’accollante e saranno entrambi responsabili del pagamento delle rate permettendo alla banca di avere maggiori garanzie a riguardo.

Cambio intestatario: sostituzione del finanziamento

Nel caso in cui si decida di non optare per l’accollo, la soluzione rimanente per il mutuatario è quella di procedere con la sostituzione del finanziamento. La sostituzione del mutuo prevede la cancellazione del precedente contratto e la stipula di uno nuovo.

Oltre al contratto, si provvederà a cancellare l’ipoteca e a iscriverne una nuova.

Aggiungere intestatario mutuo: come fare

Una soluzione a disposizione del mutuatario è quella di aggiungere un nuovo intestatario a un contratto già attivo.

L’unico modo per aggiungere un intestatario al mutuo è quello di sostituirlo. Il nuovo mutuo può essere richiesto allo stesso istituto di credito o presso un altro.

I mutui cointestati tendono ad essere preferiti dalle banche perché vi è un numero maggiore di garanzie e non è quindi necessario un cambio di intestatario del mutuo per decesso.

Un nuovo mutuo prevede il sostenimento di tutte quelle spese come:

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Condividi questa guida:

Vuoi comprare casa senza preoccupazioni?
Richiedi consulenza