Dichiarazione di successione: come realizzarla

Aggiornata il 06/05/2021da Redazione

La dichiarazione di successione è quel documento che permette di trasferire i rapporti giuridici da un soggetto (de cuius) all’erede.

Vediamo insieme come presentarla, in che momento, le imposte da pagare e tutti i documenti da presentare.

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

Che cos’è la dichiarazione di successione

Come detto in precedenza la dichiarazione di successione deve permettere di trasferire i rapporti giuridici. Le tipologie di dichiarazione sono due:

  • legittima
  • testamentaria

I parenti che possono in teoria accedere all’eredità possono essere fino al sesto grado. La successione si presenta nel momento in cui un soggetto muore ed è proprietario di alcuni beni.

La dichiarazione è da presentare in modo obbligatorio all’Agenzia delle Entrate e in questa fase sono da determinare le imposte dovute. I soggetti obbligati a presentare la dichiarazione possono essere:

  • gli eredi chiamati all’eredità;
  • i legatari;
  • gli amministratori dell’eredità;
  • i curatori dell’eredità;
  • gli esecutori testamentari.

Il riferimento normativo è il Testo Unico numero 346 del 1990.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Quando e dove presentare la dichiarazione

La dichiarazione di successione deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione (data di decesso del de cuius).

Nel caso si ritardi a presentare la dichiarazione, si incorrerà in sanzioni e bisognerà farlo prima di intaccare il patrimonio ereditario.

Per presentare la dichiarazione è necessario farlo presso l’Agenzia delle Entrate nella circoscrizione dell’ultima residenza del de cuius. La dichiarazione può essere presentata telematicamente tramite il software dell’Agenzia delle Entrate o tramite l’ufficio del Centro di assistenza Fiscale.

Il modello è scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Le imposte di successione

La base imponibile su cui calcolare le imposte di successione è data dalla somma dei beni che fanno parte del patrimonio ereditario a cui sono sottratte le eventuali passività.

Per quanto riguarda le unità immobiliari come valore si prende a riferimento quello catastale.

Una volta ottenuta la base imponibile è possibile procedere con le imposte di successione. Le imposte da pagare sono:

  • il 4% per coniuge e parenti in linea retta;
  • il 6% per parenti fino al quarto grado (con una franchigia di 100.000€);
  • l’8% per altri soggetti.

Cosa contiene la dichiarazione

I dati che devono essere inseriti all’interno della dichiarazione sono:
  • i dati degli eredi o delle persone chiamate all’eredità;
  • la struttura del patrimonio ereditario;
  • le passività;
  • il valore totale del patrimonio ereditario;
  • le riduzioni e relative detrazioni.

I documenti da presentare all’interno della dichiarazione

Alcuni dei documenti da presentare durante la dichiarazione sono:
  • il certificato di morte;
  • una certificazione sullo stato di famiglia;
  • documento d’identità e codice fiscale;
  • atti di provenienza e donazione;
  • copia autentica del testamento;
  • dichiarazione legate al patrimonio ereditario.
Sai quanto vale la tua casa?
Ottieni una valutazione gratuita e immediata dai nostri esperti

Condividi questa guida:

Vuoi vendere al miglior prezzo?