Quanto tempo ci vuole per vendere casa in Italia?

Pubblicata il 16/04/2020
tempistiche vendita case italia

Secondo un’analisi recentemente effettuata, che è andata ad analizzare la situazione del mercato immobiliare nelle grandi città italiane a gennaio 2020, è emerso come si siano accorciate le tempistiche medie necessarie per vendere casa in Italia, osservando una significativa evoluzione avvenuta negli ultimi dieci anni.

Questa ricerca è stata condotta prima dell’attuale emergenza coronavirus ed è difficile prevedere come si modificheranno le tempistiche di vendita degli immobili nei prossimi mesi, ma può essere utile conoscere questa sfaccettatura della situazione del settore immobiliare per riuscire a fare delle previsioni per il prossimo futuro.

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

L’evoluzione dei tempi di vendita delle case negli ultimi 10 anni

Osservando come sono cambiate le tempistiche di vendita degli immobili in Italia dal 2010 a oggi, è stato innanzitutto evidenziato come l’anno peggiore da questo punto di vista per il mercato immobiliare sia stato il 2012. L’origine di questo fatto è stata trovata nella combinazione di due cause, che portavano a una dilatazione massima dei tempi necessari per chiudere una trattativa:

  • l’offerta abbondante di immobili sul mercato

  • la refrattarietà delle banche nella concessione dei mutui

Dal 2012 in poi si è però assistito a un miglioramento costante (seppur lieve) delle tempistiche di vendita, con un balzo notevole registrato a partire dal 2017, quando dai 167 giorni di media registrati precedentemente si è passati a 143 giorni.

I tempi di vendita delle case nelle grandi città all’inizio del 2020

La fotografia che è stata riportata del mercato a gennaio 2020 vedeva un settore sempre più dinamico e veloce, un miglioramento possibile grazie a:

  • una domanda sostenuta

  • una diminuzione dell’offerta, che ha velocizzato le decisioni di acquisto

Questi ultimi dati dimostrano che nelle grandi città le tempistiche di vendita vedono in media 109 giorni, contro i 129 che erano necessari nel 2018: un buon accorciamento dei tempi di vendita che rispecchia la situazione del mercato immobiliare delle maggiori città italiane, in cui, nell’ultimo anno, si era registrato anche un aumento dei prezzi in media del 2,2%.

Le città più veloci sono Bologna, con 51 giorni, e Milano, con 55 giorni - che sono anche le due realtà in cui i valori degli immobili sono aumentati di più nel 2019.

Quali sono le prospettive per il futuro?

Indubbiamente, l’attuale situazione di emergenza sanitaria ed economica avrà un risvolto anche sulle tempistiche di vendita degli immobili, che molto probabilmente andranno nuovamente ad allungarsi. Questo perché, in tempi di crisi, l’offerta è ampia, mentre la domanda non è particolarmente viva e per questo, avendo l’acquirente più scelta e più tempo per guardarsi intorno con calma, le tempistiche delle trattative si allungano.

Per capire effettivamente come e quanto l’epidemia di coronavirus avrà un impatto in questo senso bisognerà comunque aspettare ancora qualche mese, osservando come si evolverà man mano la situazione.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?