Il Piano di Governo del Territorio per Milano 2020 - 2030

Pubblicata il 29/11/2019
milano

Il Consiglio comunale di Milano ha approvato il nuovo Piano di Governo del Territorio, un insieme di iniziative e di provvedimenti che disegneranno lo sviluppo urbanistico della città fino al 2030. Gli obiettivi su cui si è incentrato questo piano sono tre:

  • casa, con una forte attenzione alla residenzialità e all’edilizia popolare

  • ambiente e tematiche della sostenibilità, in modo da rendere la città sempre più attenta da questo punto di vista e permettere di comprare appartamenti a Milano in zone salubri e con aria pulita

  • periferie, con un intento di riqualificazione delle attuali zone periferiche e di recupero e riconversione di quelle che sono aree attualmente abbandonate o sottoutilizzate

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

Quali saranno gli interventi concreti?

Le iniziative che sono state proposte, volte a riqualificare o migliorare numerose aree della città di Milano, sono molteplici. Fra queste, segnaliamo solamente alcune fra le più importanti e che maggiormente potranno contribuire a ridisegnare il profilo del capoluogo nei prossimi anni:

  • la previsione di aree adibite a parcheggi pubblici nelle zone adiacenti alle fermate della metropolitana lungo la circonvallazione, per permettere una miglior distribuzione dei flussi di traffico e ridurre il numero delle auto circolanti all’interno della città

  • l’estensione del diritto alla casa, con nuovi obblighi per la costruzione di edilizia convenzionata e case popolari

  • lo spostamento degli interventi di investimento (sia pubblico che privato) dal centro al semicentro e alle periferie, così da permettere una riqualificazione di queste aree, solitamente meno considerate, ma che in realtà permettono di ricevere incentivi e un ritorno economico importanti

  • l’eliminazione della possibilità di realizzare grandi strutture di vendita nelle aree di Ronchetto e Porto di Mare, così come all’interno del centro storico della città

  • l’accorciamento dei tempi (da 24 a 12 mesi) da attendersi per considerare un edificio dismesso pericoloso per la sicurezza e la salubrità dei cittadini

Con questo nuovo Piano, sono state poi complessivamente riviste le regole che disciplinano l’onerosità dei cambi d’uso e questa revisione permette di agevolare la conversione delle aree dismesse verso funzioni residenziali, permettendo così di riqualificare ampie aree della città in precedenza abbandonate.

Le iniziative per una Milano più green

Uno degli obiettivi principali del Piano è di rendere la città più verde. Questo sarà possibile innanzitutto aumentando di molto le aree dedicate al verde pubblico, con la previsione di creare venti nuovi parchi all’interno di tutto il territorio cittadino.

Anche per quel che riguarda le emissioni sono state imposte delle nuove, importanti linee guida: tutte le nuove costruzioni (comprese quelle successive a una demolizione) dovranno produrre zero emissioni di CO2. Anche le ristrutturazioni verranno tenute sotto controllo, con l’istituzione di una soglia minima dell’indice di riduzione di impatto climatico.