Trilocale in periferia: la nuova tendenza dell'immobiliare post-coronavirus

Pubblicata il 09/10/2020
trilocale post covid

Successivamente all’epidemia di coronavirus e al lockdown, l’interesse per la dimensione dell’abitare degli italiani è nettamente aumentato, facendo emergere delle tendenze per le case post-covid diverse rispetto a quanto si registrava precedentemente a questo avvenimento.

Per chi vuole comprare casa al momento, infatti, sono diverse le tipologie di immobili che risultano appetibili e questa sta influenzando in modo sempre più netto il mercato, in modi che ora che sono passati diversi mesi dalla fine del lockdown è possibile individuare come veri e propri trend destinati a restare.

Vuoi vendere casa?
Con Dove.it vendi la tua casa a
ZERO COMMISSIONI

Vince il trilocale in periferia

La più forte tendenza emersa nell’immobiliare post-covid è la tipologia primaria di immobile che viene cercato: il trilocale situato in una ben servita e collegata periferia di una grande città. Secondo una ricerca effettuata da Coldwell Banker Italy, sono infatti in aumento le domande per case più grandi e con più stanze, con un picco di interesse proprio verso la tipologia del trilocale.

Al contrario, il monolocale, fino a qualche tempo fa il taglio più ricercato nelle grandi città (sia come investimento che come prima casa, soprattutto per lavoratori e giovani coppie), a ceduto il posto ai trilocali, possibilmente con terrazzo, giardino o spazi verdi condominiali, che, essendo situati in periferia, si aggirano intorno agli stessi valori (se non anche inferiori) dei monolocali in centro città.

Interesse per le nuove costruzioni

Un altro trend dell’immobiliare post-covid in Italia riguarda le nuove costruzioni, rispetto alle quali è nato un rinnovato interesse. Questo aumento delle richieste è dovuto in primo luogo ai servizi innovativi che questo tipo di costruzioni possono offrire, ma anche alla maggior qualità della vita garantita da un’abitazione nuova, collegata anche ai temi del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale.

Andare a vivere in campagna

In misura minore, ma comunque significativa rispetto al passato, cresce anche il numero di italiani che è interessato all’acquisto di case in campagna post-coronavirus. Non tutti, infatti, si accontentano di passare dal centro alla periferia: per maggiore privacy, tranquillità, spazi più ampi e ritmi di vita più sereni, sono in molti a optare per la ricerca di una casa immersa nel verde.

Fra le nuove zone più ambite rientrano la provincia di Roma, con un aumento della ricerca di case e appartamenti ubicati fuori dalla Capitale del 37% rispetto ai periodi pre-coronavirus, la provincia di Brescia e la zona della provincia di Alessandria.

Condividi questa notizia:

Vuoi vendere al miglior prezzo?