Cosa bisogna pagare quando si vende una casa

Aggiornata il 31/03/2021da Redazione

La vendita di una casa può comportare diversi costi. I principali costi possono derivare dalla tassazione della plusvalenza sulla vendita dell’immobile e dai costi legati al notaio. La legge prevede diverse regole per il tipo di edificio, la persona che vive all’interno dell’immobile, il tempo dal momento dell’acquisto e le modalità tramite cui il proprietario ne è entrato in possesso.

Vediamo insieme cosa bisogna pagare quando si vende una casa

Dove.it è un'agenzia immobiliare online che si affida alla tecnologia e ai migliori agenti sul territorio per garantire ai propri clienti una corretta valutazione immobile e per vendere casa online al miglior prezzo e nel minor tempo possibile. Semplificando i processi è in grado di offrire un servizio a ZERO commissioni per chi vende mantenendo al centro della sua offerta la relazione umana tra clienti e agenti tramite le sue agenzie immobiliari sul territorio.

L’assenza di tassazione

In alcuni casi è possibile non dover pagare le tasse durante la vendita di un immobile. In qualsiasi caso superati i 5 anni dall’acquisto non si incorre nella tassazione. La stessa regola è valida per tutte quelle abitazioni che hanno fruito del bonus prima casa.

Un immobile acquistato e successivamente venduto può essere esente dalla tassazione se per la maggior parte del tempo è stata adibita come abitazione principale per il proprietario o i suoi familiari. L’abitazione principale è la dimora abituale che tende a coincidere con la residenza anagrafica. Il contribuente deve inoltre dimostrare di aver vissuto la maggior parte del proprio tempo presso la suddetta abitazione.

Il fisco non avrà bisogno di ulteriori informazioni se la casa è stata ottenuta tramite una successione o l’usucapione. Se la casa è frutto di una donazione questa non deve essere stata posseduta per meno di 5 anni.

Vuoi vendere casa?
Dove.it vende la tua casa al miglior prezzo, in poche settimane e a ZERO COMMISSIONI

Le tasse per chi vende casa

Dopo l’acquisto di un immobile, se questo viene ceduto entro i 5 anni si incorre nell’obbligo di dover pagare una plusvalenza. Questa misura è stata pensata per evitare di generare delle speculazioni sugli immobili La plusvalenza generata è la differenza tra il prezzo a cui si vende casa ed il costo di acquisto della medesima. Se ho venduto una casa a 200.000€, ma l’ho acquistata a 150.000€ la mia plusvalenza sarà di 50.000€. Questo è l’importo che sarà effettivamente tassato dall’Agenzia delle Entrate.

Come detto in precedenza solo chi abbia acquistato una casa entro i 5 anni può essere soggetto a tassazione La tassazione prevede che l’importo della plusvalenza possa essere tassato in due modi:

  • tassazione ordinaria: la plusvalenza viene inserita all’interno della dichiarazione dei redditi (sotto la voce “altri redditi”) e seguirà gli scaglioni IRPEF
  • tassazione separata: l’alternativa è quella di pagare l’imposta sostitutiva del 26% tramite un’apposita dichiarazione del notaio che segnalerà l’opzione sull’atto di vendita della casa. In questo caso l’imposta è anticipata a carico del venditore e il notaio si occuperà di effettuare il versamento all’Agenzia delle Entrate riportando i dati dell’immobile.

I costi da sostenere

Per la vendita della casa è necessario sostenere delle spese legate alla registrazione degli atti e all’uso dei servizi forniti da un notaio. Per legge solitamente le spese notarili sono a carico dell’acquirente.

I principali costi legati alle spese notarili da sostenere sono:

  • imposta catastale di 50€
  • l’imposta ipotecaria di 50€
  • l’imposta di registro del 9% sul valore catastale dell’abitazione
  • l’imposta sul valore aggiunto, che è del 4% sulla prima casa e fino al 22% su un immobile di lusso

Immobili ottenuti tramite eredità

Nel caso di immobili ottenuti tramite eredità è necessario inserire le tasse da corrispondere all’interno della dichiarazione di successione che è necessario presentare entro un anno dalla data di decesso del proprietario.

Se si intende procedere con la vendita è necessario accettare l’eredità ed effettuare la trascrizione di essa. L’accettazione può avvenire in forma privata tramite scrittura privata autenticata oppure espressa tramite una dichiarazione ad un pubblico ufficiale.

Le imposte da pagare sono:

  • quella catastale che è pari all’1% del valore dell’immobile
  • quella ipotecaria che corrisponde al 2%
  • le altre tasse sono l’imposta di bollo, la tassa ipotecaria e i tributi speciali

Condividi questa guida:

Vuoi vendere al miglior prezzo?